Menu
Categories
Chemioterapia: cos’è la sindrome mano-piede?
6 maggio 2020 Pillole di Estetica Oncologica

Sindorme mano piedeLa sindrome mano-piede è causata da alcuni agenti chemioterapici che hanno tendenza ad accumularsi nei palmi delle mani e le piante dei piedi.

È caratterizzata, all’insorgenza, da una sensazione di formicolio e bruciore ai palmi delle mani e, meno frequentemente, alle piante dei piedi seguiti, nel giro di pochi giorni, da eritema e gonfiore intensi. Successivamente, dopo uno o due giorni, compaiono vescicole o bolle e ulcerazioni, più frequenti sulle aree sottoposte a pressione, spesso accompagnati da forti dolori; si può anche arrivare alla perdita delle unghie. La desquamazione e l’intenso eritema rendono le aree colpite simili a ustioni superficiali di secondo grado.

Alla sospensione della chemioterapia, il quadro si risolve nell’arco di 1-2 settimane senza complicazioni permanenti.

Cose da fare e da non fare con la sindrome mano piede

📌 Evitate di esporre mani e piedi al calore, per esempio l’acqua calda;

📌 Evitate le attività che comportano degli sfregamenti o delle leggere pressioni su mani/piedi: ad esempio lavarsi vigorosamente, usare degli apparecchi domestici, guidare o camminare per troppo tempo;

📌 Non applicate né cerotti né bande adesive troppo strette sulla pelle;

📌 Evitate di indossare guanti, calzini o scarpe troppo strette e gioielli;

📌 Indossate vestiti comodi ed ampi, scarpe morbide e ampie con suola in gomma;

📌 Non svolgere lavori domestici che comportino il rischio di abrasioni oppure contatto con detersivi e agenti chimici. Opportuno utilizzare dei guanti in nitrile usa e getta;

📌 Non utilizzate peeling di bellezza;

📌 Non tagliate le cuticole per evitare infiammazioni, meglio ammorbidirle con specifici prodotti come olio rigenerante massaggiando delicatamente;

📌 Evitate la ricostruzione unghie e il gel. Se si desidera esistono smalti specifici senza Formaldeide, Toluene,

📌 Evitate tronchesini e forbici, preferite una lima extra-morbida. Evitate tagli e fessurazioni è importante per prevenire l’aggressione batterica e le micosi. Tenete le unghie corte. Evitate di unghie e il gel. Se si desidera esistono smalti specifici senza Canfora che si rimuovono con solvente privo di acetone; evitate di “mangiarvi le unghie”.
  
 Proteggere e alleviare:

– Applicate spesso e generosamente una crema emolliente su mani e piedi, ottimo fare impacchi con olio d'oliva extravergine o con gel aloe vera per donare sollievo su mani e piedi con l'aiuto dei guanti di cotone, ricordate che gli impacchi possono essere fatti lá dove non ci sono lesioni aperte ed è necessario evitare di sfregare durante l’applicazione;
– Fate la doccia con acqua tiepida e con saponi non aggressivi, scegliete una detersione delicata a base oleosa;
– Tenete mani e piedi al fresco;
– Cercate di portare calzini speciali che proteggono e prevengono problemi ai piedi legati alla chemioterapia;
– Sollevate le gambe con un cuscino il più possibile;
– Lavarsi con acqua tiepida, non bollente e tenere sempre le mani ben asciutte.

Parlate con il vostro medico dei medicinali che potrebbero aiutarvi: analgesici, vitamina B6 e corticosteroidi.

PICCOLE AGGIUNTE

Appoggiate palmi e piante dei piedi su una borsa del ghiaccio o una busta di verdure congelate per 15- 20 minuti per un sollievo temporaneo. Potete anche infilare nelle vostre scarpe delle solette in gel che prima avrete fatto raffreddare.
Immergete piedi e/o mani in una bacinella di acqua fredda per 15 minuti 3 o 4 volte al giorno se possibile.
Se siete sotto trattamento a base di doxorubicina ogni 3 o 4 settimane, seguite queste istruzioni solo durante la settimana successiva ad ogni trattamento.
La Sindrome Mano-Piede anche nota come eritrodisestesia palmo-plantare è una particolare condizione che si verifica dopo l’assunzione di determinati farmaci chemioterapici più frequentemente gli agenti responsabili sono 5-fluorouracile (5-FU, Adrucil) capecitabina (Xeloda *) doxorubicina liposomiale (Caelyx *) e docetaxel (Taxotere *).

Lascia un commento
*