Cibo e Prevenzione

Cosa mangiare e cosa cucinare perché l’alimentazione sia occasione di cura e prevenzione.

Di questo ci parlerà la Dottoressa Nutrizionista Monia Talenti accompagnata dalla chef Sonia Catenacci ai fornelli sabato 27 e domenica 28 nella scuola di elba kitchen club a Capoliveri.
 
Le iscrizioni ai chiudono venerdì 19 novembre perciò affrettatevi!
 
Per informazioni e prenotazioni:
📧diversamentesani@gmail.com
📲389 7668023

Kanten di Pesche…Da mangiare con gli occhi

Da mangiare con gli occhi 👀 
Questo è uno dei dolci preparati da Monia Talenti biologa nutrizionista e cuoca di cucina macromediterranea.
 
La Dottoressa Talenti, insieme alla chef Sonia Catenacci, ci trasmetterà il proprio sapere con passione e con un mix di sapori semplici, sani e buonissimi in occasione del corso di cucina curativa il 27 e il 28 novembre nella scuola di elba kitchen club 🧑‍🍳 
 
Se non ti sei ancora iscritto, hai tempo fino al 19 novembre per farlo: AFFRETTATI!
 
Intanto ecco una delle loro ricette 
 
Il carcinoma mammario Kanten di Pesche:
 
 
 
Ingredienti per 4 persone⬇️
• 1 l di succo di mela
• 13 g di agar agar
• 1 pz di sale marino integrale
• cannella
• buccia di limone
• 4 pesche nettarine rosse e mature
 
Preparazione⬇️
Mettete sul fuoco un pentolino con il succo di mela, l’agar agar, il sale e la cannella.
Portate ad ebollizione, mescolando di tanto in tanto con una frusta, lasciate bollire qualche minuto fino al completo scioglimento dell’agar agar.
 
Nel frattempo preparate la buccia del limone, tagliate le pesche a pezzi e riponetele sul fondo di un contenitore ampio o nelle singole coppette.
 
Lasciate raffreddare qualche minuto il kanten e poi versatelo sulle pesche.
Raffreddandosi il kanten gelificherà e potrà essere frullato con le pesche, o consumato così, dopo averlo decorato a piacere.
 
Può essere servito a temperatura ambiente o fresco di frigorifero.
 
(Tratto da Dolcezze Macromediterranee, La collana de #ilsoleincucina – La Grande Via, 2020)

Grazie a tutti

La nostra Associazione desidera ringraziare tutti i partecipanti alla Camminata in Rosa che hanno fatto una donazione in memoria di tutti i cari che ci hanno lasciato

Grazie veramente a tutti per la vostra sempre importante partecipazione

Anche grazie a voi i nostri progetti andranno avanti

Grazie di Cuore

La caduta dei capelli durante la chemioterapia

Perdere i capelli durante il trattamento può essere un momento molto doloroso, a questo scopo l’associazione Diversamente Sani ha donato all’ospedale di Portoferraio il casco anticaduta Paxman .

Tuttavia ci sono delle persone che si trovano a dover fare la chemioterapia in altre strutture, sprovviste del casco refrigerante perciò, per quelle persone scriviamo questo articolo.

Ricordatevi che si tratta di un effetto collaterale temporaneo e che è possibile restare femminili aspettando che i capelli ricrescano perché non sono dei lunghi capelli a fare di voi una donna ma la vostra essenza perciò sbizzarritevi a darle sfogo con foulard, parrucche e bandane!

LA PERDITA DI CAPELLI DURANTE LA CHEMIO

La perdita dei capelli o alopecia è uno degli effetti indesiderati più frequenti della chemioterapia poiché attacca le cellule che si dividono, le cellule cancerose ma anche le cellule del bulbo pilifero: peli e capelli.

Tuttavia questa perdita non è sistematica poiché non tutti gli agenti chemioterapici causano la caduta dei capelli; tutto dipende anche dalla dose dei medicinali e dalla durata del trattamento.

La caduta dei capelli inizia generalmente 2/3 settimane dopo la prima sessione di chemioterapia e continua in tempi diversi a seconda del tipo di trattamento.  I capelli possono cadere progressivamente durante le sessioni oppure più rapidamente per ciuffi interi, in particolare durante il lavaggio o la spazzolatura talvolta anche con prurito o piccoli sfoghi cutanei.

I GESTI ESSENZIALI PER AFFRONTARE LA PERDITA DI CAPELLI

Preparatevi alla caduta dei capelli con un taglio corto

Prima di tutto chiedete al vostro oncologo se il vostro trattamento comporta la caduta dei capelli.

Se è cosi, optate per un taglio molto corto ancor prima di iniziare la chemio: questo vi permetterà di avere una transizione con la caduta dei capelli.

  • È più semplice accettare la caduta sul cuscino di capelli corti invece che di capelli lunghi.
  • La caduta ritarderà di qualche giorno.
  • Nessun dispositivo medico vi raccomanda di rasarvi la testa: scegliete ciò che preferite. Se la vista dei vostri capelli sul cuscino al risveglio è insopportabile potreste ugualmente portare una retina durante la notte.

Durante la chemio, lavate, pettinate e idratate delicatamente

  • Lavate i capelli il giorno prima della sessione e non lavateli per i 3- 8 giorni successivi.
  • Evitate di pettinarli il giorno stesso.
  • Utilizzate uno shampoo delicato, non grasso, in piccole quantità e risciacquate con acqua tiepida, preferibilmente fredda.
  • Utilizzate una spazzola morbida con setole delicate.
  • Asciugate i capelli all’aria aperta o dolcemente con un asciugamano.
  • Evitate assolutamente asciugacapelli, piastre o bigodini riscaldanti.
  • Se non avete più i capelli è importante continuare a lavarsi il cranio con uno shampoo dolce.
  • Dopo lo shampoo idratate il vostro cuoio capelluto con una crema o un olio per evitare i pruriti.
  • Evitate tinture, pieghe, balayage, liscianti e permanenti prima e durante la chemioterapia poiché rischiereste di indebolire i capelli.

Massaggiate il cranio per alleviare il prurito del cuoio capelluto

  • Massaggiate il cuoio capelluto con la punta delle dita con un olio di mandorle dolci, di argan, di primula, di germe di grano.
  • Massaggiatevi tutti i giorni per qualche minuto per stimolare la circolazione sanguigna e preparare alla ricrescita.

AMARSI ANCHE DURANTE LA CHEMIO

Circondatevi di dolcezza

  • Uscite coperti con cappelli, foulard, turbanti, berretti, parrucche.
  • Se il vostro cuoio capelluto non è completamente coperto non dimenticate di applicare una crema solare ad alta protezione.
  • Dormite su un cuscino di seta, eviterà le frizioni con il cuoio capelluto (una sottoveste dovrebbe andar bene).
  • Evitate sbalzi di temperatura, troppo caldo o troppo freddo.
  • La notte cercate di portare un copricapo in un tessuto delicato estensibile, come il bambù, per tenere la testa al caldo.

Continue reading “La caduta dei capelli durante la chemioterapia”