Giornata Nazionale delle Cure Palliative

Le cure palliative sono conosciute quasi esclusivamente per il loro ruolo nella gestione del fine vita ma non servono solo a questo!

Infatti quelle che chiamiamo “cure palliative” rappresentano in realtà una presa in carico globale del paziente.

Cosa significa? Significa che con l’approccio alle cure simultanee(simultaneous care) il paziente entra in contatto con il medico palliativista all’inizio del percorso oncologico per seguire insieme all’oncologo e allo psicologo il paziente.

L’importanza dunque delle cure palliative è rappresentata da un percorso orizzontale di cura, in cui ognuno fa la propria parte nel prendersi cura del paziente, limitando al minimo gli effetti collaterali delle terapie e le relative ripercussioni sulla vita del paziente stesso ma anche su quella del suo entourage familiare e amicale.

Insomma, le cure palliative non servono solo per rendere meno doloroso il fine vita ma permettono ad ogni paziente di vivere con serenità il percorso oncologico senza dover soffrire per tutti quei dolori e disturbi che le terapie spesso causano.

Chiedi informazioni al tuo oncologo!

Mese della prevenzione del cancro al seno

Per tutto il mese di Ottobre con la tessera  potrai fare un’ecografia mammaria gratuita presso il Centro ElbaLife.
Ottobre è il mese della prevenzione del cancro al seno, non perdere questa occasione e prenota subito!

☎️Prenotazioni:
0565 919139

Se non hai ancora la tessera , contattaci qui o al
 3897668023

La lotta contro il cancro inizia dalla prevenzione

Consegna al DH Oncologico dell’ecografo portatile

Oggi abbiamo consegnato al Dottor d’Argenio, responsabile del DH ONCOLOGICO di Portoferraio e Piombino, l’ecografo portatile acquistato attraverso l’Ultramaratona.
 
A fine Aprile, grazie all’impresa di Giuseppe Pulvirenti 🏃🏻‍♂️accompagnato dal suo amico Alessandro 🚴🏽‍♂️, sono stati raccolti ben €9332,32 per l’acquisto di questo macchinario.
 
Grazie a
🏃🏻‍♂️🚴🏽‍♂️Giuseppe e Alessandro
📹 Paolo
💻 Chiara
💰 Tutti i donatori
💙 I nostri volontari, perché dietro le quinte c’è sempre un grandissimo lavoro che rende anche la più piccola delle cose possibile!
 
INSIEMESIVINCE

Giornata mondiale Tumore polmoni

Infatti il tumore ai polmoni, solo in Italia, colpisce circa 38.000 casi l’anno per gli uomini e 8.000 circa per le donne.
Questo tipo di tumore può costituire una massa che ostruisce il corretto flusso dell’aria, oppure provocare emorragie polmonari o bronchiali.

Le due tipologie principali sono:

  • il tumore polmonare a piccole cellule (detto anche microcitoma, 10-15%)
  • il tumore polmonare non a piccole cellule (il restante 85% circa).
Entrambi sono originati dal tessuto epiteliale che riveste le strutture polmonari.
Il tumore a piccole cellule si presenta in genere nei fumatori, mentre è raro per chi non fuma.
Per chi non ha mai fumato è più frequente l’adenocarcinoma, che si localizza a livello dei bronchi di calibro minore.
 
La causa principale del tumore è comunque il fumo di sigaretta: fumare, o anche solo esporsi al fumo passivo, o ad agenti cancerogeni ambientali (amianto, cromo, arsenico, idrocarburi aromatici policiclici, cloruro di vinile, radon e nichel) e vivere in ambienti inquinati aumenta del 15% il rischio di contrarre il male.
 
Smetti oggi di fumare e riduci il rischio di cancro ai polmoni per te e chi ti sta intorno!
Repost by @chemio_world

Ottobre Rosa – Mese della Prevenzione del Cancro al Seno

🌸OTTOBRE ROSA🌸
La lotta contro il cancro inizia con la prevenzione per questo DiversamenteSani ha ideato una nuova campagna di prevenzione per il mese di ottobre, mese dell prevenzione del cancro al seno.

Non perdere questa occasione, prenota subito la tua ecografia mammaria chiamando lo ☎️ 0565 919139.

‼️Per poter aderire alla campagna di prevenzione è necessario essere in possesso della tessera 2021 “Amico di Diversamente Sani‼️

 

 

Tornare a lavoro dopo il Cancro

Dopo il cancro, può presentarsi la questione della ripresa del lavoro. Riprendere un’attività professionale può essere un buon metodo per cambiare pagina e contribuire alla vostra guarigione, e la cosa migliore è prepare la ripresa con dolcezza.

Prima di prendere ogni decisione, non dimenticate di chiedervi: «Sono veramente pronta ?». Avete il diritto di prendere il tempo che vi serve per ricostruire e, perché no, reinventare la vostra vita!

Se per voi è giunta l’ora di riprendere il lavoro, non esitate a preparare la ripresa rivolgendovi al vostro medico di famiglia per valutare la situazione ed eventualmente prendere in considerazione un part-time terapeutico. In seguito, contattate la medicina del lavoro per una visita medicale precedente alla ripresa del lavoro, obbligatoria dopo 60 giorni di assenza. Al termine di questo esame, dei possibili adeguamenti delle vostre condizioni di lavoro saranno comunicate al vostro datore di lavoro.

La nostra consulente del lavoro è a vostra disposizione per informazioni riguardo ai vostri diritti e consigli sul da farsi. 

Siate indulgenti con voi stesse. Il grande giorno, malgrado l’eccitazione e l’entusiasmo per la ripresa del lavoro, è importante tenere a mente che non sarà tutto come prima. Ci vorrà del tempo prima di raggiungere gli obiettivi di prima. Dovrete accettare che ci saranno giorni più o meno difficili. Non abbiate paura di ridurre la vostra mole di lavoro per aumentarla progressivamente senza che siate sommerse.

Infine, il cancro cambia il proprio rapporto con gli altri. Se la vostra relazione con i vostri colleghi lo permette, comunicate la vostra situazione al fine di evitare le incomprensioni.

Ricordate che voi siete la vostra priorità e questa consapevolezza serve a guarire del tutto, prendetevi il tempo necessario per trovare un metodo nuovo, dimenticando in parte il vecchio perché in fondo voi per primi non siete più gli stessi!

Buon lavoro a tutti.

Tratto da Oncovia

 

 

 

 

 

 

RICRESCITA CAPELLI

La ricrescita dei capelli è una fase attesa alla fine dei trattamenti contro il cancro. Un segno di speranza e di remissione che si verifica circa 4-6 settimane dopo l’ultima chemio.

Esistono degli accorgimenti per preparare la ricrescita dei capelli. Durante e dopo la chemioterapia, anche se i vostri capelli non sono ancora ricresciuti, non esitate a curare quotidianamente il cuoio capelluto. Dei massaggi regolari con degli oli vegetali vi permetteranno di ridurre il prurito, eliminare le tossine e stimolare la circolazione del sangue. Sotto la doccia, utilizzate degli shampoo e dei balsami delicati.

Una volta iniziata, la ricrescita procederà di 1 o 2 cm al mese, ma potreste voler dare una spintarella ai vostri capelli. Per ottimizzare la ricrescita dei vostri capelli, potete provare a mantenere più calda possibile la testa utilizzando delle sciarpe o dei cappelli e dei berretti da notte per dormire. Per il bagno, prediligete l’utilizzo di shampoo e di trattamenti stimolanti o fortificanti. Prima di ogni shampoo, applicate delle maschere all’olio di ricino ai vostri capelli e al cuoio capelluto.

Nei sei mesi successivi alla ricrescita, è preferibile che evitiate tutto ciò che potrebbe stressare i vostri capelli. Se non sopportate più i capelli grigi, e la loro lunghezza lo consente, potrete optare per una colorazione vegetale naturale e biologica.

Tratto da Oncovia